The perfect picture

I was there on the top of the tallest building of the City, comfortably sitting with the glass in my hand. Lights were suffused and the chill music in the background was cuddles for the ears while my tequila kept kissing my tongue and poisoning thoughts. Everything was warm and muffled as she kept looking out of the window, me bewitched by her amazed beauty, both smiling, thinking and quietly enjoying what was left of the cold night out. Worm-like trains kept stopping and leaving the station with such small people wandering around in shapeless swarms. Tower Bridge was silent now, the traffic lights kept flashing with no one witnessing their dance and only a few cars dared crossing the Thames. We spoke a few words while the waiters spasmodically walked the room and I noticed the perfect picture. I went blank for a second, everything got dark but my closest bubble of room, the eyes looking at everything and nothing, jumping from landmark to landmark, feminine fingers gently brushing against the lips and elven ears popping out of red hair, that naturally blending with the surroundings. For an instant and that alone, I truly thought about sneaking the hand to my phone and steal a photograph but soon the need faded as I knew in my chills the best pictures are those never taken – the unique scent of a mortal moment whose destiny is to drown in the past to later revive on lone, regretful nights in the years to come.

Deviance

They told me I’m special.

I’m a deviant mind. I think about problems in a different,  parabolic way. I solve them using weird or unthinkable means, I hack through them, break them down, torture them, nurture the mantra of process mangled with art. Impurity is a sin and I am the priest of its church for I speak the words of knowledge, discovery and color together. On the other side deviant minds are hunted, darker, loner, unforgiven and misunderstood.

Sometimes the world is not enough, sometimes deviant minds need to have more. And that’s when I feel the compulsive need to write. Am I home? At work? On the train? Walking? Sleeping? It doesn’t matter. I quit everything because nothing makes sense anymore – in that moment I’m not myself any longer and at the same time I am more than ever. Extracting the pen, I draw the lines of figures to enhance my universe, spill words on paper to animate the new entities of my dreams, take a snapshot of reality and feelings and explode them into a new unseen world for me to eternally remember it.

Sometimes I lose my path, almost lose my mind, blue becomes black, red becomes black,  all the colors are black and the dreadful burrow of consciousness brings me down, deep inside. When the night comes and the lights fade out, when the sun sets and the skies come to life I look beneath the flesh and crave for my daemons to devour my soul, rip my heart and release me.

“Who are you?”, “What’s your story?”, “Talk to me about the small things of your life”. Beautiful words embrace the journey and I hear them behind a door, raping the world so blind and all comes to mind: the errors, the pain, the tears, the anger, I’m alone in this crowdy mind and thoughts speak so loud I can’t hear their words anymore and it’s all so gray and disturbing and foggy and powerful and sinful and daunting and chaotic and stop!

Silence. My intimate command puts the voices in line like troops on a march. Cold morning comes and all scatter; the battlefield is left behind with only one faceless fallen to remember war is not over. And that’s me in deviance.

I resurrect from that moment and resume life as it was before.
Nobody has noticed, nobody will know – I’m special.

Victorious

The moment they told me my life was shit I realised how awesome it had become. After a few months I was completely changed. For many years I had no stories to tell and nothing to talk about. But at that point, for the first time I could speak for hours about the marvels I had seen or the beauty of fear and anger and hope and all those things they had never truly experienced. I had made my dreams come true and fought the terror of my nightmares and while they were mumbling words about self-growth I knew in my heart that mediocrity could never grow anything but lost occasions and loneliness and resentment. And for me it was just the beginning, the tip of the iceberg, the point where I stopped the narrator and started telling the story myself. I had become a warrior and they would not be there to share the pride of being victorious.

Gelida Londra

Londra è gelida stanotte. Mi aggiro per le strade illuminate e silenziose, vuote ed avvolte nella nebbia di Dicembre. Non c’è cura per la mia malattia e come fossi appestato, passeggio nei vicoli bui, evitando la gente. Lasciatemi solo, sotto la fredda luce dei lampioni a rimuginare sui rimpianti del passato. Lasciatemi solo perchè quelli come me ululano alla Luna con l’anima vuota e l’oscurità nel cuore.

Scorgo un uomo solo e mi insospettisco. Metto la mano nel cappotto, chiudo gli occhi un istante. Si sollevano le palpebre e lo vedo affondare nelle ginocchia verso le pietre del viale. Resta in ginocchio qualche istante mentre guarda al cielo, esanime, con la lama di un coltello ficcata fra le costole. Tace e posso vedere la sua vita scorrergli davanti per un ultimo addio.

Bastardo.

Strofino la lama nella carne per estrarla e lui si accascia a fissare il selciato. Proseguo per la mia strada e la nebbia mi avvolge. Un urlo, le sirene in lontananza ma io sono già passato.

 

Amori fast-food

Blocca e dimentica. Siamo amanti fugaci e superficiali, quel che basta per soddisfare la carne ed immaginare lo spirito soddisfatto altrettanto. Siamo gente convinta di migliorare col tempo ma al dolore ancora non abbiamo trovato cura. E allora? Allora blocca e dimentica. Lascia andare, non combattere, non ci provare che forse è meglio scordare, che nulla è per sempre e tanti altri luoghi comuni che pensiamo ci rendano saggi. E quindi blocca, che tanto chi si rivede più. E’ più facile nel nostro meraviglioso mondo nuovo l’abbandono dei propri “cari”, dove basta non vederli ed immergersi in un’altra storia per essere felici senza patire il peso della nostra solitudine. Perchè siamo soli. Tutti.

E c’è chi questa solitudine la sente, chi la vive, la soffre e grida dentro di sé perchè si sente più solo degli altri, tutti sorridenti fratelli, figli di una comune madre perfetta. Loro no, loro non bloccano, loro non dimenticano. Loro rifiutano e si ribellano, ed è loro la rivoluzione che stravolge l’esistenza di tutti, loro in grado di soffrire ed imparare dal loro dolore a dire “no”, a tornare, stringere, abbracciare, a curarsi degli altri.

Ora però basta. Blocca e dimentica, vai oltre che forse non siete fatti per stare insieme, perchè le relazioni devono essere sempre belle e quando le cose vanno male, allora non si può fare più niente, non si torna indietro, non si aggiusta tutto insieme. Così si faceva in passato, ora no. Dai, blocca e cambia “caro”, che di “cari” il mondo è zeppo e l’importante è non vedere la sua faccia e tutto diventa più semplice, basta ascoltare le belle parole di qualcun altro, sostituire abbracci vecchi con quelli nuovi, e vedrai che il mondo sarà più bello fino alla prossima volta che qualcosa andrà storto. Poi blocca. Blocca e dimentica.

La generazione degli amori fast-food.

Voiceless

It falls on my nose – beautifully colored leaf I carelessly shove away among the glares of plants and crunching sound of nature’s death underneath the shoes. A glimpse of your hands, a flash of your smile, the sound of the train leaving, the Sun through my eyes and amber scatters like tears of this harmony lost through old pages as the inexorable breathing of time, yellowing days of youth, ages memories and burns vows.

The ancient villa, the old lady with her stories about the war, the man who took the pupil’s hand through his childhood, the sad eyes of a mother with faith no more. Everything’s washed away, fallow garden of lavish past turning to ivy and filthy rust. Yester’s sunny breakfasts soaked in life; now empty cast-iron chairs to remember my wrinkles I’ve grown alone. I stare.

I walk past their tombs and the graves sprout eyes. Make a step and mud devoures my burdens… A bit more… Just some more. A lost melody enslaves my senses and I’ve turned to stone. Voiceless reflection against a thousand mirrors, my relentless flame dances around the frozen scene, gazing puppet devoid of any will and emotion. I walk through the green forest. A lone wolf in this Swedish night.

Ciao

Ciao. Oggi ho comprato una candela nuova, una di quelle che piacerebbero a te. Profuma, sa di buono, come quegli olii che ti piacciono tanto. Ho anche un poster appeso al muro; è arrivato quel regalo che non volevi – non so perchè. Gli ho fatto una foto, la guardo e penso a te. Ho comprato un album ed ho iniziato a tracciare linee senza pensare. Ti ho fatto un ritratto… Sei bella. Chissà se ti manco, chissà come stai, chissà se mi pensi, se sei felice ora che non mi hai più attorno, se sei andata avanti come volevi, se un altro ti dice all’orecchio tutte le cose che vorrei dirti io… Io non ho voglia di far nulla. Riesco ogni tanto ad uscire, spesso da solo e faccio lunghissime passeggiate, vedo gli alberi venire in fiore. Che spettacolo sarebbe guardarli insieme. Spero di incontrarti, anche da lontano. Così, per vedere il tuo viso e sentirmi di nuovo a casa, almeno per un po’. Stamattina ero sul treno ed avrei giurato di sentire la tua mano poggiarsi sulla mia schiena, sono stato felice, mi sono girato sorridendo ma tu non c’eri. Tu non ci sei. Vorrei raccontarti delle mie piccole vittorie di ogni giorno, vorrei raggiungerti con un pensiero, un bacio sulla fronte come quelli che ti facevano sentire piccola davanti a me.

Lascio le mie parole qui, su una pagina di diario sporca che un giorno spero di farti leggere mentre la tua presenza ricucirà le mie ferite.

Disegneremo un mondo solo nostro

Disegneremo un mondo solo nostro, che nessun altro capisce. Avrai ali d’argento per volare da me ed un vestito di rose che sboccerà ogni mattina. Cieli azzurri come un dipinto, senza nuvole e pioggia, orizzonti infiniti che viaggeremo senza sosta fino a toccarli da vicino. Avrai una matita arancione per cambiare ogni dettaglio, per trasformare ogni giorno in un sogno unico che ci lascerà stupiti.

Disegneremo un mondo dove il tempo ci è amico e andrà avanti e indietro per vivere felici ancora e ancora e sfogliare gli album dei ricordi, santuari mistici che inneggiano a ciò che vale la pena stringere al cuore. Cancelleremo ogni neo con una gomma bianca perchè sia perfezione ma noi no, noi non dovremo mai cancellarci, questo sarà il patto.

Disegneremo un mondo felice dove potremo sempre tornare e ritrovarci. Lo chiuderemo in un cassetto per i momenti bui, perchè infine saremo vicini. Disegneremo un mondo che strapperemo a metà, che per essere vivo ci vorrà uniti. Disegneremo un mondo a misura di noi, con le nostre stranezze ed i nostri valori, che le nostre paure verranno piccole come formiche ed insieme saremo il “felici e contenti” di una favola per bambini.

Non sei solo

Che giorno è? Ah sì, il 3. Casa è vuota, la strada mostra qualche passante intento in discorsi propri, guardo dalla finestra e mi domando “perchè?”. Mi alzo dal letto, reggendomi malamente in piedi, sentendo ancora i postumi della sbronza del 2, giorno che decisi comunque, ironicamente, di festeggiare l’anno prima. E decisi anche che il 3 dell’anno successivo sarebbe dovuto essere diverso, felice.

Attacco un po’ di musica ma le note sono aspre. Penso potrei passeggiare ma ogni angolo e strada, ogni stazione, ogni locale hanno un ricordo ed un significato che non so affrontare – le voci dei fantasmi del passato mi gridano nelle orecchie discorsi già vissuti, ricompongono scene davanti ai miei occhi, mi torturano con la felicità e casa è l’unica roccaforte non troppo pregna di questa marcia untura che ristagna e puzza e mi rende inerme.

“Tanti auguri… Tanti auguri” – suona così amaro, oggi, detto da me stesso a me stesso. Prendo un bicchiere e senza farci troppo caso, verso dentro un po’ di scotch per anestetizzare i pensieri.

Ricevo un messaggio: “Tanti auguri”. E’ lei. Il messaggio prosegue:

– Che fai stasera?

– Nulla

– Ti va di vederci? Mi manchi

Il cuore accelera, si blocca, riparte, i muscoli si risvegliano ed un sorriso mi tronca da parte a parte come fossi un bambino a natale. Persino il cielo smette di piovere ed il sole inonda la stanza da ogni finestra. Corro a farmi la barba che ormai non so quanto tempo non la taglio; dovrò mettere qualcosa di bello stasera, ma cosa? Rispolvero i profumi, l’orologio nuovo, pulisco le scarpe per la prima volta. Il tempo passa così velocemente che neppure mi accorgo che è già ora di andare, col sole che cala e le mille raccomandazioni che faccio a me stesso per assicurarmi di aver preso tutto, di chiudere bene la porta, di non dimenticarmi di farle un complimento, anche se in genere non mi serve raccomandarmelo. Quindici minuti di cammino e sono stanco morto come fossero cento chilometri, col cuore che colpisce sempre più forte – potevo sentirlo con le orecchie, prima di suonare il campanello.

Bella come una valchiria, coi suoi capelli lunghi e gli occhi verdi e quella gonna che mi piace tanto, apre la porta e si butta fra le mie braccia. Mi stringe fortissimo come mai aveva fatto prima, mi da un bacio, mi guarda negli occhi e mi dice: “Buon compleanno amore mio. Visto? Te l’avevo detto. Non sei solo”. Sorride dolcemente ed io riapro gli occhi. Mi ritrovo a sospirare con una lacrima che scivola sulla guancia, sul divano, nella mia cella, con le pareti bianche atteggiate a guardiani della mia solitudine.

“Non sei solo” aveva detto. “Non sei solo”.
Un altro sorso e si viaggia verso un altro sogno con le stesse parole nella testa.

Non sei solo… Non sei solo.